Immaginiamo una Nazione che sa legare a doppio filo la dimensione culturale e quella sociale. Dove le proprie istituzioni e il proprio immenso patrimonio culturale sono strumento non solo di implementazione e sviluppo economico del territorio, ma veicolo di lotta all’esclusione sociale.
Perché la povertà non è solo mancanza di risorse materiali; è anche impossibilità di accedere ad “occasioni” culturali capaci di fornire, attraverso l’arte, chiavi di lettura del mondo, strumenti per comprenderlo o stimolare “vie di accesso” alla bellezza.

 

NUOVI SPAZI


Immaginiamo una Nazione capace di investire nel proprio patrimonio artistico culturale per metterlo a disposizione di tutti. Per farlo arrivare nelle periferie, nei luoghi dove il disagio è stringente, per spiegarlo e renderlo vivo. Tutto questo perché, come recita la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo:
«ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale e artistica della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico e ai suoi benefici».
Una Nazione dove le politiche culturali servono a realizzare esperienze di qualità ma anche, come scriveva don Lorenzo Milani, un “minimo di strumentario tecnico senza del quale non è possibile sostenere un dialogo”.
Vogliamo valorizzare i luoghi delle istituzioni, dei servizi e delle realtà culturali che spesso sono lasciati troppo soli. La rete degli archivi, delle biblioteche, delle pinacoteche, dei musei civici, dei teatri, delle scuole di musica, degli spazi gestiti da associazioni è una grande ricchezza del nostro territorio. Una ricchezza che deve crescere ed essere messa in rete grazie all’innovazione tecnologica. Un patrimonio di spazi e di esperienze che non deve rappresentare solo lo scrigno di beni custoditi con amore ma che deve ospitare centri di nuova produzione culturale aperti ai cittadini.
Vogliamo favorire, insieme alle altre associazioni e ai cittadini, la nascita di nuovi luoghi di socializzazione, di incontro e di produzione culturale, promuovendo il recupero e l’utilizzo di spazi pubblici abbandonati, sotto utilizzati o dimessi.

 

NUOVE IDEE


Per far vivere i luoghi della cultura c’è bisogno di idee e progetti innovativi.
Immaginiamo una Nazione capace di promuovere e incentivare le tante eccellenze culturali del nostro territorio, e che sa farle fiorire e crescere anche nei tessuti più fragili della nostra società.
Immaginiamo una Nazione che sa bene che imparare a suonare uno strumento musicale può salvare la vita, che innamorarsi di una musica, di un libro, di un quadro o di una scultura può aiutare a comprendere meglio sé stessi e il mondo, che stimolare, in ognuno, la passione e lo studio delle arti è uno dei migliori sistemi per costruire una società coesa e pacificata.
Questo non perché tutti debbano diventare artisti, ma perché l’arte e la cultura aiutano a diventare uomini.

E cittadini.
Vogliamo realizzare progetti specifici per la promozione della lettura e per la circolazione dei libri, a partire dall’infanzia e dall’età scolastica.
Vogliamo sostenere la formazione di un sistema di orchestre infantili e giovanili  e che possa svilupparsi anche attraverso forme di partnership tra pubblico e privato.
Vogliamo una Nazione che per questo si impegna a fare in modo che la cultura divenga motore del proprio sviluppo economico e cuore di un nuovo senso di cittadinanza.
Qual è l'importanza della cultura e dell’arte ? Per rispondere e comprendere la loro l'importanza  nella vita del genere umano condividiamo di seguito un semplice scenario: immaginate un albero; un grande albero secolare, in una bella giornata di primavera. Immaginate ora due persone di fronte a questo albero che lo ammirano e si godono un bel momento di rilassatezza mentale.
Quali saranno i pensieri delle due persone? Quanto profondi? Quanto filosofici? Quanto proiettati alla bellezza? La differenza di pensiero sarà ad ogni modo basata sulla differenza culturale.
La cultura e l’arte non sono solo un'insieme di nozioni, come talvolta si vorrebbe velocemente riassumere; sono storia, passione, studio, dedizione, pensiero e moltissime altre cose in relazione tra loro. E' un connubio variegato di elementi umani che formano la personalità di ognuno e che al contempo aiutano l'affinamento delle capacità di ragionamento.
La diversità delle culture dei popoli è pertanto una preziosissima ricchezza.

Non trovate? Perché tutto è Arte e Cultura.
E’ da questo principio che inizia la missione dell’A.N.A.E.C, promuovere e diffondere l ‘arte e la cultura grazie ad accordi particolari presi con prestigiose case editrici e artisti contemporanei, per consentire agli appassionati di poter accedere a quello scrigno di bellezza  ricco di libri, quadri, sculture, fino a ieri solo per pochi eletti e  oggi alla portata di tutti coloro che insieme a noi vogliono condividere questo progetto.